Università degli Studi di Firenze Centro di studi per la storia
del pensiero giuridico moderno
i Quaderni

Quaderno in redazione

Il volume 50 dei Quaderni fiorentini, destinato a uscire nel corso del 2021, avrà carattere monografico. Sono previsti interventi di Volume 50 of the Quaderni fiorentini, due to be published in 2021, will have a monographic character. Planned contributors will be Pietro Costa, Francesco D'Urso, Andrea Salvatore, Mariano Croce, Martin Loughlin, Carlos Herrera, Carlos Petit, Adriaan W. Bedner, Fabio Dei, Marco Meriggi, Luca Mannori, Jesús Delgado Echeverría, Andrew Fitzmaurice, Florence Renucci, Pedro Cardim - Cristina Nogueira da Silva, Eliana Augusti, Tamar Herzog, Gianluca Bascherini, Baldassare Pastore, Luigi Nuzzo, Paul Schiff Berman, Alessandro Bernardi, Silvana Sciarra, Paolo Grossi.

Il pluralismo giuridico moderno: esperienze e paradigmi

Nelle costruzioni giuridiche geometriche che caratterizzano l'Ottocento e perdurano per gran parte del Novecento l'idea dello Stato come produttore unico del diritto assorbe e rende giuridicamente invisibile un pluralismo che resta comunque insopprimibile, che partecipa, esige e 'crea' continue ricomposizioni dell'ordine.

Il Quaderno mira a indagare una modernità 'altra', sondando le 'eccezioni' presenti nella piatta superficie del diritto dello Stato-nazione, seguendo il pluralismo giuridico nel vivo della realtà sociale dell'Occidente, negli scontri fra strumenti di dominio occidentali e realtà locali delle colonie, nelle letture di diritto comparato e di antropologia giuridica. Senza indulgere in aprioristiche e semplificanti certezze sul crollo della sovranità monistica, il Quaderno intende interrogarsi su continuità e discontinuità tra le forme storiche 'plurali' dell'ordine e sulle ricostruzioni giuridiche pluralistiche chiamate oggi ad affrontare i grandi temi della contemporaneità.

Modern legal pluralism: experiences and paradigms

In the geometric legal constructions which characterize the Nineteenth century and persist for much of the Twentieth, the idea of State as the unique maker of the law absorbs and makes pluralism juridically invisible. However, this pluralism is irrepressible, and contributes to continuously shape and reconfigure the legal order.

The 'Quaderno' aims at investigating a 'different' modernity, by exploring the exceptions still persistent within the flat surface of the nation-State, by examining legal pluralism in the midst of the complex Western social reality, in the clashes between Western tools of domination and colonial local contexts, in the interpretations provided by legal comparison and legal anthropology. Without indulging a priori and simplifying convictions about the fall of monistic sovereignty, the 'Quaderno' rather plans to scrutinize continuities and discontinuities between historical 'plural' forms of legal order, as well as pluralistic legal views which are nowadays called to address the major issues of contemporary times.

Codice etico (PDF)

ultimo aggiornamento: 25/05/2020